Om. Si dovrebbe meditare su questa sillaba – Roy Eugene Davis

La prova dell’aspetto espressivo della Realtà suprema è Om. La meditazione su Om culmina nella conoscenza del suo significato e nella realizzazione del Sé. (Yoga Sutra di Patanjali 1:27,28)

Paramahansa Yogananda insegnò che bisogna meditare in Om. L’assorbimento di attenzione e consapevolezza in Om culmina in un’esperienza di Om-samadhi: unità con Om (sabikalpa samadhi), ossia unità supportata da un oggetto della percezione. Questo stadio della contemplazione di Om, benché benefico, è solo un inizio rispetto a ciò che si deve ancora sperimentare.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - mindfulness - zen - buddhismo - benessere - salute

Rivolgendo l’attenzione e fissando la consapevolezza nel chakra della corona, nonché aspirando di andare oltre il suono di Om, è possibile realizzare la pura unità senza il supporto di qualsiasi oggetto della percezione. Dopo un Om-samadhi, rimane il ricordo di “Io ero uno con Om”. Oltre il suono della vibrazione di Om c’è la realizzazione della pura esistenza-essere, senza un senso di altro. Meditate quindi in Om e andate oltre esso.

Paramahansa Yogananda disse anche che i desideri si soddisfano più facilmente facendoli “fluttuare” in Om. Quando terminate una sessione di meditazione, ascoltate Om e pensatelo. Sappiate e sentite che i vostri desideri sono mescolati con Om, dal quale tutto si produce nell’universo. Il desiderio più costruttivo da avere è di essere realizzato nel Sé e in Dio. Se avete bisogni ordinari e giusti desideri da soddisfare, potete realizzarli più facilmente immergendoli in Om alla fine della sessione di meditazione. Meditate in Om, fino a quando non sarete Uno con esso, quindi portate bisogni e desideri nella vostra consapevolezza, sapendo anche che la vibrazione di Om è l’origine di tutto ciò che si manifesta nella dimensione oggettiva. Mettete intenzionalità nel soddisfacimento di desideri e bisogni.

Om. Si dovrebbe meditare su questa sillaba. – (Chandogya Upanishad)

La Realtà di Dio è senza inizio e fine, completa ed eterna. Un essere indivisibile. – (Sri Yukteswar)

Quando il devoto non è più cosciente di meditare ed è stabilizzato nella conoscenza del Sé di beatitudine e non-dualità, realizza l’unità. – (Lahiri Mahasaya)

(Da: “Il significato della vibrazione di Om” di “Roy Eugene Davis”)

Roy Eugene Davis (amazon)
Roy Eugene Davis (macrolibrarsi)
http://it.wikipedia.org/wiki/Roy_Eugene_Davis
Center for Spiritual Awareness (pagina in italiano)
http://www.kriyayoga.it
Traduzione di Furio Sclano



Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: