Il contesto della meditazione – Judy Lief

«La pratica della consapevolezza meditativa non ha luogo nel vuoto. Avviene in un certo contesto e da un determinato punto di vista. Nella tradizione buddista, la meditazione viene spesso presentata nel contesto di retta visione, retta meditazione e retta azione.

Meditazione - yoga - meditation - mindfulness - zen - buddhismo - benessere - salute

Ognuno di questi tre è essenziale, come un sistema di controlli e contrappesi. Se non comprendiamo la retta visione (vedi: Nobile Ottuplice Sentiero), la pratica della meditazione può essere più una trappola che un mezzo per liberarci dall’inganno; invece di allentare l’aggrappamento all’ego, potrebbe perpetuare ulteriormente l’ignoranza e l’attaccamento; invece di collegarci al mondo, ci potrebbe allontanare da esso.

La meditazione in sé e per sé non è una cura magica per ogni cosa. La retta comprensione e la retta motivazione sono importanti. La convinzione in-forma la pratica».

(Judy Lief, “Is Meditation Enough?”)

Da: “Buddisti Anonimi”
Buddhismo & Meditazione (amazon)
Buddha e Buddismo (macrolibrarsi)

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: