Addentrati nel vuoto che è in te – Osho

Ogni notte, prima di dormire, chiudi gli occhi, e per venti minuti scendi nel vuoto che è in te. Accettalo, lascia che sia presente. Se affiora la paura, lascia che sia presente. Anche se tremi di paura, non rifiutare lo spazio che sta nascendo dentro di te. In due o tre settimane sarai in grado di percepirne la bellezza, sarai in grado di avvertirne la benedizione. E una volta gustata questa grazia, la paura sparirà da sola. Non devi lottare con lei.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - mindfulness - zen - buddhismo - benessere - salute

Nel giro di tre settimane, un giorno all’improvviso sentirai una grande beatitudine, … Se è questo che senti, assumi la posizione fetale, diventa un bambino nel grembo della madre. E poi avverti semplicemente il tuo respiro, non fare altro. Ascoltalo semplicemente: il respiro che entra, il respiro che esce, il respiro che entra, il respiro che esce. Non devi ripeterlo a parole: avvertine semplicemente il fluire. Sentilo semplicemente, e in quel sentire insorgeranno un silenzio e una chiarezza straordinari. Fallo solo per dieci o venti minuti — da un minimo di dieci a un massimo di venti minuti — e poi dormi. Prima o poi bisogna confrontarsi con il proprio sentirsi soli. Una volta affrontato, questo sentirsi soli cambia colore, cambia qualità; acquista un sapore assolutamente diverso. Diventa un essere soli. Allora non è più isolamento, è solitudine. Nel sentirsi soli vi è infelicità, la solitudine si apre alla beatitudine.

(Da: Osho – Il libro arancione)

Osho su Amazon
Osho – Macrolibrarsi
Osho.com
it.wikipedia.org/wiki/Osho
Oshoba.it
Aforismi di Osho

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: