Agognavano la libertà (R. Bandler – O. Fitzpatrick)

Era una delle più grandi tragedie di tutti i tempi.

Erano stati imprigionati per un crimine che non avevano commesso.

I loro carcerieri si rifiutavano di far sapere loro di quale crimine fossero accusati e, ciononostante, li tenevano comunque prigionieri.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - mindfulness - zen - buddhismo - benessere - salute

Certo, i loro bisogni più elementari venivano soddisfatti, ma la loro vita era un vero inferno.

Per la maggior parte del tempo venivano torturati e trattati orribilmente.

Venivano insultati continuamente e accusati di essere dei buoni a nulla.

Ogni cosa li riempiva di paure e di angosce.

Erano vittime di incessanti angherie e venivano dati loro così tanti messaggi contraddittori e conflittuali che divennero insicuri, non sapendo più chi fossero e di che cosa fossero capaci.

Alcuni di loro venivano separati, mentre altri erano costretti a vivere in compagnia di persone che li facevano costantemente uscire dai gangheri.

Alcuni volevano morire.

Alcuni continuavano a lottare contro le difficoltà della vita.

Anche se in misure diverse, ciascuno di loro era tenuto prigioniero e a taluni andava peggio che ad altri.

Venivano continuamente criticati per ciò che facevano.

I loro carcerieri facevano in modo che stessero molto male ogni volta che commettevano uno sbaglio.

Qualsiasi cosa desiderassero o avessero mai desiderato veniva loro negata.

Giorno dopo giorno diventavano sempre più scontenti e privi di speranza.

Passavano il tempo ad autocommiserarsi e a sfogare le loro frustrazioni gli uni sugli altri.

Nel frattempo, il trattamento che subivano si faceva via via peggiore e i prigionieri cominciarono a chiedersi se sarebbe mai finita.

Erano oppressi da tutte le cose che erano costretti a fare.

Soffrivano, inermi.

Anche quando venivano loro concessi dei momenti di libertà, non si trattava mai di libertà vera.

In fondo in fondo sapevano che presto avrebbero dovuto tornare a soffrire per mano dei loro carnefici e che quella breve parentesi non significava nulla.

Soffrivano per la maggior parte del tempo.

La loro salute peggiorava progressivamente a causa del pessimo trattamento.

Molti non riuscivano più a dormire.

Le loro vite si svuotarono del senso che un tempo avevano avuto.

Si aggiravano depressi, ansiosi, spaventati, stressati e frustrati da ogni cosa.

Agognavano la libertà.

E dunque, chi erano costoro? E chi erano i loro carcerieri?

“Loro” erano il genere umano e i carcerieri le loro menti.

(Da: “Conversations”, Richard Bandler e Owen Fitzpatrick)

Richard Bandle (amazon)
Richard Bandle (macrolibrarsi)
Owen Fitzpatrick (amazon)
Owen Fitzpatrick (macrolibrarsi)
Fonte

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: