La contemplazione della natura – Eckhart Tolle

“Abbiamo bisogno della natura perché ci mostri la via di casa, la via per uscire dalla prigione della mente. […]
Abbiamo dimenticato ciò che le rocce, le piante e gli animali ancora sanno. Abbiamo dimenticato come essere – come essere in uno stato di quiete. […]
Ogni volta che mettete l’attenzione su qualcosa di naturale, […] uscite dalla prigione del pensiero concettuale. […]

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen - buddhismo

Mettere l’attenzione su una pietra. su un albero o su un animale non significa pensare a quello, significa semplicemente percepirlo. […]

Allora qualcosa della sua essenza si trasmette a voi. Potete sentire la sua quiete e, così facendo, la stessa quiete sorge dentro di voi. Ora sentite come riposa profondamente nell’Essere – in completa unione con quello che è e dove è. Con questa comprensione, anche voi avete accesso ad un luogo di profonda calma dentro di voi. […]

Diversamente dagli esseri umani, le piante e gli animali non si sono divisi in due. Essi non vivono attraverso le immagini mentali di sé e in questo modo non hanno bisogno di preoccuparsi tentando di proteggere e di rinforzare quelle immagini. Il cerbiatto è sé stesso. La giunchiglia èsé stessa. […]

La contemplazione della natura vi può liberare da quel «me», da quel gran piantagrane.

Focalizzate la consapevolezza sui tanti suoni sottili della natura – il fruscio delle foglie nel vento, le gocce di pioggia che cadono, il ronzio di un insetto, la prima canzone di un uccello all’alba. Immergetevi completamente nell’ascolto. Al di là del suono vi è qualcosa di più grande: una sacralità che non può essere compresa dal pensiero.

Non avete creato il vostro corpo e nemmeno siete in grado di controllarne le funzioni. Un’intelligenza più grande della mente umana è al lavoro. È la stessa intelligenza che in natura sostiene tutto. Il modo per giungere il più vicino possibile a questa intelligenza è l’essere consapevoli del vostro campo energetico interiore, sentendone la vitalità, la presenza animatrice nel corpo. […]

Il pensare è uno stadio nell’evoluzione della vita. La natura esiste nella quiete innocente che c’è prima del sorgere del pensiero. L’albero, il fiore, l’uccello, la roccia sono inconsapevoli della loro propria bellezza e sacralità. Quando gli esseri umani diventano quieti, vanno al di là del pensiero”.

(Da: Eckhart Tolle, Parole dalla Quiete)

– (Eckhart Tolle – Amazon)
Eckhart Tolle su Macrolibrarsi.it
http://it.wikipedia.org/wiki/Eckhart_Tolle
Fonte

E’ la quiete che salverà e trasformerà il mondo


Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: