Il potere dei mantra

Ogni giorno milioni di persone nel mondo usano la meditazione per andare oltre la turbolenza mentale ed emotiva verso la pace profonda e una più estesa percezione. Ci sono molti modi di meditare, tra cui l’osservare il respiro, pratiche di consapevolezza, visualizzazioni guidate, consapevolezza del proprio corpo, meditazioni in movimento e innumerevoli altre tecniche.

Quasi ogni pratica meditativa ti porterà una maggiore pace e rilassamento, quindi se questo è il tuo obiettivo primario, una semplice tecnica di consapevolezza della respirazione andrà bene.

Se vuoi una pratica meditativa che ti permetta di sperimentare il cuore del tuo essere – il campo infinito e senza forma di tutte le possibilità – allora avrai bisogno di una pratica che ti possa portare oltre la mente nello spazio della pura consapevolezza. Per questo, tradizionalmente ciò che serve è una meditazione basata sul mantra, …

Un mantra è un suono delicato o una vibrazione che ripeti silenziosamente a te stesso durante la meditazione. La parola mantra è composta di due parti: man, che è la radice della parola sanscrita che sta per mente; e tra, che è la radice della parola che indica lo strumento. Un mantra è quindi uno strumento della mente che ti porta in uno stato profondo di meditazione. Mentre ripeti silenziosamente il mantra, ti immergi sotto la torbida superficie della mente, che è sempre preoccupata con pensieri, ricordi e desideri, fino al luogo della pura coscienza.

Il potere dei mantra

I mantra sanscriti sono suoni che non hanno un significato particolare, cosa che impedisce alla mente di rimanere catturata dal raccontare a se stessa una storia circa il significato del mantra. Per esempio, se usassi la parola inglese peace come mantra, la tua mente riporterebbe in vita le associazioni che ha creato attorno a tale parola. Invece di portarti a uno stato di pura consapevolezza, ti ritroveresti a pensare alla pace ricadendo in storie su come potresti averne di più se il cane del vicino smettesse di abbaiare, se i politici facessero quello che vuoi tu, e così via…
I mantra sanscriti hanno una sottile influenza vibratoria sulla percezione umana che è indipendente da qualsiasi significato o comprensione della parola. Mentre ripeti il mantra, si crea una vibrazione mentale che permette alla mente di entrare nello spazio silenzioso tra i pensieri – quello spazio di pura coscienza comunemente chiamato ‘il vuoto‘.
Nello stato meditativo più profondo, tutti i pensieri e le preoccupazioni se ne vanno e sperimenti la quiete che sempre esiste al di sotto del rumoroso dialogo interno della mente. Nella calma puoi sentire l’unità con tutta la vita e una profonda pace.

I mantra del suono primordiale

Secondo la tradizione vedica, gli antichi saggi erano in grado di sentire le vibrazioni sottili prodotte da ogni cosa in natura – i suoni del vento, dei tuoni, delle farfalle, dei fiumi impetuosi e di tutte le altre creazioni. Esse riconobbero che questi suoni erano la manifestazione dello spirito nella materia. Identificarono l’Om (o aum) come il suono più elementare, che rappresenta l’infinita coscienza universale.
I saggi vedici identificarono anche approssimatamente 100 vibrazioni primordiali o mantra che compongono l’universo. A volte chiamati bija o suoni semi, questi mantra sono il centro della pratica di meditazione dei suoni primordiali insegnata nel Chopra Center. Quando impari la meditazione dei suoni primordiali, ricevi un mantra personale basato sulla vibrazione creata dall’universo al momento della tua nascita. Il mantra è calcolato in base al sistema vedico che tiene conto del tempo e luogo della nascita. (…)”

(Brani tratti da alcuni articoli del Chopra Center che riguardano il risveglio alla consapevolezza e la meditazione)

Un bell’esempio di mantra

Mantra AD SAHAI HOA, SACHE DA SACHE DOA, HAR HAR HAR



Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: