L’arroganza – G. I. Gurdjieff – Racconto

Un uomo andò a visitare un derviscio, e gli disse:

“Voglio discutere con te del mio problema”.

“E io non voglio discuterne”, rispose il derviscio.

“Come puoi essere così categorico, dato che non lo conosci?”, disse il visitatore, contrariato.

Il derviscio sorrise. “A che pro sottopormi un problema, se non lo conosco e non ho una percezione maggiore degli altri?”.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - mindfulness - zen - buddhismo - benessere - salute

Ora il visitatore era al tempo stesso sconcertato e desideroso di saperne di più.

“Allora, dimmi qual è il mio problema, e questo mi convincerà”.

“Oh, essere umano!”, disse il derviscio. “Sei quasi completamente fuori strada. Se ti dimostrassi di sapere ciò che ti preoccupa, svierei la tua attenzione verso il ‘miracoloso’, e invece del Servizio – che è il mio vero compito – farei una messinscena”.

“Allora dammi soltanto la soluzione del mio problema, così risponderai alle esigenze del Servizio”.

“Questo l’ho già fatto”, disse il derviscio.

“Non ci capisco più nulla.”, esclamò il visitatore. “Non mi risulta che tu mi abbia fornito la benché minima soluzione”.

“E allora va’ a cercare la risposta altrove!”.

Per mesi quest’uomo viaggiò per il paese intrattenendosi con molte persone, alle quali non mancava mai di raccontare il suo incontro col derviscio.

Un giorno cominciò a intravedere che il suo problema era stato l’egocentrismo, e che il derviscio glielo aveva indicato.

Il suo vero problema era questo, e non quello che aveva immaginato.

Qualche tempo dopo, in una città lontana dal luogo del loro incontro, si ritrovò a faccia a faccia col derviscio.

“Ora”, gli disse, “ho preso coscienza della saggezza delle tue parole, e vorrei ricompensarti per il servizio che mi hai reso”.

“Lo hai già fatto.”, disse il derviscio. “Parlando a tutti della nostra conversazione hai contribuito, senza volerlo, alla trasmissione dell’Insegnamento: non eri forse l’esempio vivente dell’ignoranza e della perplessità?

“Sì, eri come un uomo che cammina con una freccia conficcata nel cranio che tutti possono vedere eccetto lui, e che è l’unico ad attribuire il suo mal di testa allo sforzo che ha fatto per pensare profondamente.

“Ecco come hai servito. Tu credevi, e sembravi voler servire te stesso, ma in realtà servivi la saggezza, come ti ho spiegato. La saggezza, dunque, si è manifestata in parte per consentirti di vederti un po’ meglio.

“Tuttavia, non soltanto hai servito la saggezza, ma anche la tua auto ossessione, non te. A dire il vero, chiunque può incitarti a servire chiunque o qualsiasi cosa. Per questo basta che ti persuada che puoi servire te stesso adottando una certa linea di condotta, che in realtà serve ad altri fini! Chi è che ci guadagna, in tutto ciò?”.

– George I. Gurdjieff –

Georges I. Gurdjieff (amazon)
George I. Gurdjieff (macrolibrarsi)
Aforismi di G. I. Gurdjieff (1869-1949)
Georges Ivanovic Gurdjieff (wikipedia)
https://it.wikipedia.org/wiki/Quarta_Via



Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: