La religione come fenomeno naturale – Daniel C. Dennett

«Siete in un prato e osservate una formica che cerca faticosamente di scalare un filo d’erba, sempre più su fino a cadere; ogni volta che cade, la formica riprende a salire, come Sisifo con la sua pietra, compiendo ogni sforzo per giungere in cima. Perché lo fa? Quale beneficio spera di ottenere da un’attività così faticosa e poco promettente? La domanda si rivela sbagliata. La formica non ottiene alcun beneficio biologico: non cerca una migliore veduta del territorio, per esempio; non cerca del cibo e non cerca nemmeno di farsi notare da un potenziale compagno.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - mindfulness - zen - buddhismo - benessere - salute

Il suo cervello ha obbedito ai comandi di un minuscolo parassita, un trematode di forma lanceolata (Dicrocelium dendriticum), che ha bisogno di farsi portare nello stomaco di una pecora o di una mucca per completare il suo ciclo riproduttivo. Questo piccolo verme del cervello sta guidando la formica a destinazione per beneficare la propria progenie, non certo quella della formica. Non si tratta di un fenomeno isolato. Ci sono altri parassiti manipolatori che infettano, fra gli altri, pesci e topi. Questi autostoppisti inducono le loro vittime a comportarsi in modi bizzarri – o perfino suicidi – e in tutto a beneficio dell’ospite, non del portatore.

Agli esseri umani non capita qualcosa di simile?»

Chi crede in Dio ha buone ragioni per farlo? Qual è il terreno psicologico e culturale in cui la religione ha messo radici? Si tratta di un cieco istinto evolutivo o di una scelta razionale? In questo libro, al centro del dibattito sull’ateismo, Daniel Dennett indaga il modo in cui la religione si è evoluta a partire da credenze popolari e sostiene che la fede non è che un risultato dell’evoluzione darwiniana. Una tesi provocatoria destinata a far discutere credenti e non credenti.

(Da: Rompere l’incantesimo. La religione come fenomeno naturale – Daniel C. Dennett)

Daniel C. Dennett (macrolibrarsi)
Daniel C. Dennett (amazon)



Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: