Credi nella vita e vedrai – Mooji

Satsang con Mooji. Il biglietto vincente ce l’hai in tasca, Zmar, Portogallo. 15 settembre 2013 – Sessione 1 Fidati della vita e vedrai.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

[Mooji:] Non puoi dire quale sarà la forma delle cose, come andrà a finire, ma, alla fine, ogni cosa si manifesta al meglio. Vedi? Una volta ho raccontato la storia di un re. Egli… Egli non era un re particolarmente saggio, ma la sua vera benedizione era il suo consigliere. Aveva un consigliere, che era veramente saggio. Il re non era così saggio, ma era abbastanza saggio da sapere che aveva un consigliere saggio [Risate] Così ovunque il re andasse, il consigliere andava con lui; ovunque. Ed il consigliere sembrava aver sempre una visione molto positiva delle cose. Qualunque cosa accadesse ad un dato momento, il consigliere avrebbe detto, “Questo non è male, mio signore.” l re ci credeva, era così, così. Allora avvenne che una mattina… dappertutto, il consigliere segue dappertutto, a parte che in bagno, o poco altro, aspettava fuori, e insomma, ovunque il re andasse il consigliere era lì. Così, una mattina, il re si stava alzando dal letto, era un tipo paffuto, e stava infilando le sue pantofole reali, su quei pavimenti di marmo, e scivolò, Pft! Per terra, Per terra, atterrando su un gomito, che si fracassò, tipo… Crack! “Ah!” E il dolore è così forte. “AHH!” L’intero palazzo poteva udire il suo urlo, “Ahhhhhh!” Proprio così, e poi grida, per prima cosa, prima ancora della regina, egli grida: “Consigliere!” Immediatamente il consigliere lo raggiunge: “Che cosa mio signore?” “Oh! Ah!”, dice il re: “Guarda, guarda cos’è successo, cosa è successo al mio braccio?” Vedi. “Cos’è successo?” “Oh! perchè mi è successo questo? Perché mi è successo?” Così. Il consigliere guardò e disse “E’ una buona cosa, mio signore” [Risate]

Il re era veramente irritato. E disse:”Come puoi dire una cosa del genere? Vedi che male che fa…. come puoi dire… Vattene via di qui!” Era molto arrabbiato. “Guardie!” – chiamò. Le guardie furono subito lì, “Portatelo via.” E lo portarono via, Ch-ch-ch-ch-ch! Giù, gradino dopo gradino, lo portano fino alle segrete, e lo lasciano lì. E, clic clac! Lo rinchiudono. Clock! Il povero consigliere si siede. [Risate] Il consigliere si siede e sta lì. E il re invece sta a letto, per un pò, non potrà muoversi da lì. E’ dolorante, con il braccio tutto bendato. Così, passata una settimana, non ne può più di stare lì seduto, ad aspettare che il suo braccio guarisca. Una mattina si sveglia e si sente molto meglio, molto meglio. “Ah, mi sento meglio.” E pensa: ” E’ il momento di prendere un pò di aria fresca.” Sente che gli piacerebbe una buona cavalcata, amava cavalcare. Fece avvisare le scuderie reali che gli sellassero un cavallo, il suo favorito, il cavallo bianco, sellato. Si vestì, e lo condussero al suo cavallo, lo montò e, immediatamente: Zack! Plup-plp-plup-plp! E va, plup-plup-plup! E se la gode, “Oh, che meraviglia!” Plup-plp-plup! Il consigliere sempre in prigione, seduto, aspettando. Fuori il re va, e va, va, una lunga cavalcata, ed in quel mattino, egli davvero sente di non doversi fermare, e galoppa: plup-plp-plup-plup! finchè arriva ai limiti del suo regno, così, andando ed andando. E ora non si accorge nemmeno di essere in una strana terra. Lungo la via vede un cervo bianco e ne è affascinato: “Ah!” Così rallenta l’andatura, clip-clop, clip-clop, clip-clop. E poiché guarda il cervo non vede il ramo di un albero. Clop-clop. clop-clop — bop! Si, e cade, proprio così, hm? E poi, rapidamente, viene catturato da una tribù di cannibali. [Risate] Okay? E’ catturato, catturano il re. Oh! ecco che lo stanno trasportando verso il villaggio. E lui è terrorizzato, si rende conto che sono cannibali. [Risate] Stanno tornando indietro, e hanno mandato di già un messaggio, al villaggio: “Arriviamo, con uno bello grasso.” [Risate] Vedete? Sta arrivando, e cominciano a suonare, Bah-doom, bah-doom, bah-doom, bah-doom! E poi ballano, e stanno preparando un grande fuoco, [Risate] grande fuoco, grande re, così [Risate] e, per un momento, lo mettono in una stanza e c’è una celebrazione in corso, capite? E, naturalmente, lui è assolutamente terrorizzato. E può vedere, sta guardando attraverso la parete della capanna, guarda fuori, e vede che stanno preparando un grande spiedo. [Risate] “Ha, ha, no, no no!” E’ terrorizzato. [Risate]

Così, giunto il momento arrivano, arrivano ed arrivano per lui. Capite? E lo spingono, e, “Ahh! No, no!” Lo conducono verso il fuoco, sapete? Di sicuro qualcuno ha provveduto ad un pò di pepe nero ed ogni cosa; [Risate] un pizzico di sale. In ogni caso, lo stanno tirando, e lui sta andando, ed è il momento più terrificante che voi possiate immaginare. Lo stanno tirando, e stanno proprio per portarlo nel fuoco, lo tirano, e gli si sfila una manica, ed essi vedono il gomito sanguinante. E, improvvisamente, baba-doom, baba-doom–! Bloccati, guardano, tutti, “Ahhh”, [Risate] Grande disappunto, egli è imperfetto, non possono sacrificarlo. [Risate] Così, anche il re è un pò, “Che succede?” Così, loro sono davvero delusi, lui sembra così gustoso, capite? Allora lo accompagnano al suo cavallo, lo fanno montare, uno schiaffo al cavallo. Plp-plp-plup-plp-plp! Il re si aggrappa, è completamente traumatizzato dall’esperienza. [Risate] Dopo un bel pò, si ritrova nel suo regno, plp-plp-plup-plp-plp! Ed è esausto. Lo aiutano a scendere da cavallo. “Cosa è successo vostra maestà?” Lo portano nella sua stanza, e lì collassa completamente, proprio per l’impatto di tutto quello che gli è successo. [Suono di respiro affaticato] Poi incomincia a riflettere… che fortunato è! E ricorda le parole del consigliere: “Ciò è bene, mio signore”. [Risate] E allora si ricorda del consigliere. “Il mio consigliere! E’ stato in prigione per oltre una settimana, innocente” Così, immediatamente, di persona si reca nelle segrete. “Conducetemi, conducetemi, presto, presto, presto, presto! Devo vedere il mio consigliere.” Capite? Così lo accompagnano laggiù, e infine gli aprono, ka-clung! La porta è aperta ed il consigliere è lì seduto. “Oh, consigliere, consigliere.” “Oh, mio signore, vostra maestà,” – dice. Ed il re: “Oh, che cosa ho fatto, che cosa ho fatto!?” “Bè, qual è il problema?” dice il consigliere. E il re: “Ma sai, tu sei così buono, sei il mio miglior consigliere. Vedi, una settimana fà, quando mi ero fatto male al braccio, tu dicesti che era un bene, ed io ero così arrabbiato con te, non potevo capire.” Vedete? E gli racconta dunque la storia: “Guarda, vedi, si è rivelato proprio un bene per me, ma tu, tu eri imprigionato. Tu eri imprigionato. Come ha potuto rivelarsi un bene anche per te? Vedi, avevi detto che era un bene per me, allora? Il consigliere tacque per un momento, e poi disse: “Bè, mio signore, vedete, io sono sempre con voi. [Risate] Così quando voi usciste a cavallo, dovunque foste andato, io sarei venuto con voi, e ci avrebbero catturato entrambi. [Risate] E quando si sarebbero accorti che non potevano sacrificare voi, [Risate] allora, avrebbero sacrificato me! Così, è stato un bene per me che io fossi quì, in prigione. [Risate] Uhm? [Risate ed applausi]

E così il punto di questa storia è che tu non sai come le cose si svilupperanno. A volte tiriamo delle conclusioni premature. “Oh, questa cosa è così brutta”, io dico semplicemente stai calmo, non aspettarti nulla, fidati della vita, e vedrai. Più sei tranquillo, più vedrai le cose come sono veramente, e quando vedi le cose così come stanno, il tuo cuore sarà riempito di gratitudine, e, per questo, crescerai in saggezza. Noi siamo sempre, la mente agisce sempre prematuramente, troppo precipitosa nel dare un giudizio, e sempre equivocando le cose. Capite? Così ciò che a volte sembra una sfida alla vita, se resti tranquillo, comincerai…. la mente si aprirà, lavorando in un altro modo, e comincerai a vedere la bellezza, e, forse, se fossi in una cosiddetta, situazione migliore, non apprezzeresti la via della consapevolezza, molto più sottile, molto più fine. [Musica] Non sai come andranno le cose. Non trarre conclusioni premature. Più sei quieto più vedrai le cose come esse realmente sono. Quando vedi le cose come sono, il tuo cuore si riempie di gratitudine e tu cresci in saggezza.

http://www.mooji.org/biography_it.html
Mooji – Amazon
https://en.wikipedia.org/wiki/Mooji



Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: