Figli di Dio – Aivanhov

“Se Gesù ha potuto dire: «Chi crede in me farà le stesse opere che faccio io, e ne farà anche di più grandi», è perché pensava che tutti gli esseri umani fossero della stessa sua natura, della stessa sua essenza. Perché i cristiani hanno trascurato questo aspetto del suo insegnamento? Semplicemente perché sono pigri; non vogliono fare alcuno sforzo per camminare sulle orme di Gesù. Dicono: «Essendo il figlio di Dio, egli era perfetto; è normale che abbia manifestato un sapere, delle virtù e dei poteri eccezionali.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - mindfulness - zen - buddhismo - benessere - salute

Invece noi, poveri infelici, con la nostra natura imperfetta e peccatrice, non possiamo che essere deboli, egoisti e cattivi». No, no! Questo non è un buon argomento; tutti gli esseri umani sono figli di Dio, esattamente come lo era Gesù. La sola differenza è che Gesù era cosciente della propria natura divina e della sua predestinazione, aveva già lavorato in questo senso nel corso delle sue incarnazioni anteriori, ed era arrivato sulla terra con immense possibilità e un’idea molto chiara della propria missione. Ma per compiere questa missione, anch’egli ha dovuto fare un immenso lavoro interiore.”

(Omraam Mikhael Aivanhov)

Aivanhov su Amazon.it
Aivanhov su macrolibrarsi
Aivanhov su Wikipedia
Prosveta pubblica le opere d’Aivanhov



Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: