Di cosa si ha paura? – Anthony De Mello

Noi non vogliamo guardare, perché se lo facciamo potremmo cambiare. Non vogliamo guardare. Se si guarda, si perde il controllo di quella vita che riusciamo a tenere insieme in modo tanto precario.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - mindfulness - zen - buddhismo - benessere - salute

Pensate di essere liberi, ma probabilmente non c’è un gesto, un pensiero, un’emozione, un atteggiamento, una convinzione in voi che non venga da qualcun altro.

Quanto, di ciò che avete più caro, siete pronti a far crollare, senza fuggire? Fino a che punto siete disposti a pensare a qualcosa che non vi è familiare? La prima reazione è di paura. Non che temiamo l’ignoto. Non si può temere qualcosa che non si conosce. Nessuno ha paura dell’ignoto. Quel che si teme davvero è la perdita di ciò che è noto. Ecco di cosa si ha paura.

(Da: “Messaggio per un’aquila che si crede un pollo” di Anthony De Mello – AmazonMacrolibrarsi)

Anthony De Mello (macrolibrarsi)
Anthony De Mello (amazon)
https://it.wikipedia.org/wiki/Anthony_de_Mello

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: