Meditazione: cambiamento attitudinale – Niranjanananda Saraswati

Q: Perché meditiamo?

A: Scoprire cosa c’è dentro, ma anche cambiare gli atteggiamenti. Potremmo scoprire cosa c’è dentro di noi, ma se non siamo in grado di cambiare il nostro modo di vedere, siamo di nuovo nello stesso spazio. Le realizzazioni ci capitano ogni giorno sotto forma di “Non avrei dovuto farlo. Avrei potuto comportarmi meglio. ”Ma siamo in grado di cambiare davvero noi stessi quando si verificherà la stessa situazione la prossima volta?

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - mindfulness - zen - buddhismo - benessere - salute

C’è un intero spettro di meditazioni descritte negli yogi, dal più semplice, kaya sthairyam, stabilità del corpo, allo stadio finale del dharana, vyoma panchaka dharana, dove siamo in sintonia con la coscienza sotto forma di spazio onnipervasivo. Da kaya sthairyam puoi passare allo yoga nidra, ajapa japa, antar mouna, antar darshan, hamsa dhyana e seguire l’intera sequenza fino a quando non vieni a dharana. Nel dharana puoi praticare trataka, chidakasha dharana, hridayakasha dharana, daharakasha dharana ecc. Fino a quando non arrivi allo stadio finale del vyoma panchaka dharana. Quindi inizia il dhyana.

Nell’intera sequenza di pratiche, impressioni, idee, piaceri e istinti vengono rilasciati dall’interno. Non solo vengono rilasciati, ma deve anche avvenire un cambiamento nel nostro atteggiamento. In altre parole, credere e vivere non dovrebbero essere due cose separate. Dobbiamo vivere ciò in cui crediamo e poi i cambiamenti avvengono all’interno. Lo scopo della meditazione è il cambiamento attitudinale e quindi esprimere quel cambiamento nella vita esterna.

– Niranjanananda Saraswati –

Niranjanananda Saraswati (amazon)
Niranjanananda Saraswati (macrolibrarsi)
https://en.wikipedia.org/wiki/Niranjanananda_Saraswati

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: