Che cosa vuol dire esattamente essere intelligente? – Jean Klein

JK “Un uomo intelligente è un uomo perfettamente vacante, non ingombrato, che affronta le situazioni con questa vacuità non lasciando in nessun caso intervenire la memoria o il bisogno di sicurezza. Il suo spirito è sempre vigile, e si piega alle varie circostanze della vita. Questa, a mio avviso, si può chiamare intelligenza.”

Meditazione - yoga - meditation - mindfulness - zen - buddhismo - benessere - salute

Ho fatto questa domanda perché si sente dire spesso che l’intelligenza è un ostacolo, o si dovrebbe dire l’intellettualità che è tutt’altra cosa?

JK “Si, si confonde spesso l’intelligenza con il sapere. In realtà la persona intelligente è una persona completamente vacante. Invece di impiegare le sue energie ad accumulare cognizioni, dirige la sua attenzione verso qualcosa di totalmente ignoto. Essa è aperta verso questo Ignoto. Tuttavia, quando si comincia a procedere in questo modo si può avere all’inizio una specie di vertigine. Non si è troppo sicuri di sé, e non si osa ancora abbandonare ciò che si è accumulato perché interviene una preoccupazione di sicurezza.

A poco a poco però ci si accorge che questa sicurezza assoluta, questo dominio perfetto di ogni situazione non possono essere raggiunti che attraverso la soglia di una vacuità e disponibilità totali, che rendono impossibile ogni fissazione o valutazione. Solo l’intuizione della non-dualità trasforma il terreno individuale. Ogni altra esperienza apporta una modificazione passeggera e illusoria, capace di attenuare certi stati, ma, ripeto, incapace di trasformare veramente. Il mentale non ha alcuna presa sul mentale; occorre trascenderlo per cambiare realmente.

Andare al di là del mentale, intende?

Jean Klein, “Cioè a dire, essere il Sè.”

– Jean Klein –

Jean Klein (macrolibrarsi)
Jean Klein (amazon)
Fonte

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: