Dieci minuti di meditazione, niente stress in aula

Tutti seduti, occhi chiusi, e vai con il «momento di quiete in classe»: bastano pochi minuti, due volte al giorno, per rendere più serene le giornate degli studenti (e dei loro insegnanti), favorire la tranquillità in aula e il dialogo in famiglia. Ne parlerà lunedì 3 febbraio a Milano il regista David Lynch, che da anni attraverso la sua Fondazione promuove la meditazione trascendentale con l’obiettivo della «scuola senza stress».

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen (la foto,, è © dreamstime.com)

Siamo nella direzione della «slow school» che il maestro americano Tim Walker sta imparando a conoscere da quando si è trasferito in Finlandia: tempi rilassati, niente competizione tra alunni, clima collaborativo.

Il contrario insomma di quel che succede nella maggior parte delle scuole, anche italiane, più simili a un «frullatore», dove l’ansia la fa da sovrana.

Lynch fa meditazione da tanti anni, e la tecnica oggi è utilizzata in più di 500 scuole in tutto il mondo» dice Rossano Maset, psicoterapeuta e organizzatore dell’appuntamento. «Il momento di quiete funziona in ambienti diversi; nelle scuole blasonate dei centri storici come nelle periferie. Gli effetti: meno stress, meno depressione, violenza, bullismo. Miglioramento del ritmo sonno/veglia, clima più sereno in aula, apprendimento più agile». …

Da scuoladivita.corriere.it del 30-01-14, leggi tutto l’articolo di Cristina Lacava …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: